Un vero e proprio polverone (ma più che polvere, farina!) che ha cominciato a sollevarsi addirittura con una settimana di anticipo.

Sta tento che domenica la Gabanelli parla della pizza, così m’ha avvertito un amico, ed era solo lunedì.

Una volta visto, questo reportage, lascia poco spazio alle parole.

Per quel che mi riguarda, mi sono sentito in qualche modo difeso, stranamente protetto dall’autorevolezza di un mezzo -la TV- che disprezzo, ma che penetra negli occhi, nella testa delle persone e dunque convince.

Se lo dise a teevision sarà vero.

Spero che questo meccanismo, per una volta, serva una causa giusta, ovvero quella -in cui mi includo- degli addetti ai lavori che si fanno un mazzo tanto per passione e per onestà verso tutti i clienti, anche quelli a cui ho spiegato mille volte che il forno a legna non è Dio e che ora mi crederanno, ma soeo parchè lo ga dito a teevision.

Per chi non l’avesse ancora visto, ecco il link al video

Non bruciamoci la pizza

Ecco che cosa criticherei al giornalista di questa inchiesta: neanche una parola sui grani antichi…

O non ne sanno nulla oppure Report vuole sconvolgere il pubblico poco per volta.

😉

#cosacuoceinforno